Il carrettiere fantasma

Ancora mezzo tonto

e già imbronciato

do un’occhiata

truce

giù in strada.

Tutto è in regola

come ogni mattino:

automobili

che vanno dove vanno

anziani lenti come tartarughe

due o tre cani

che puntano i rifiuti…

Quand’ecco che

a siluro

un motocarro

traversa

lo scenario

mattutino

e dentro alla cabina

chi ti vedo?

Un tizio

che pensavo fosse morto.

Che strano effetto

di primo mattino!

 

Chissà perché

pensavo fosse morto,

che non fosse

più dedito

al trasporto

della rena e dei sassi.

Avevo torto.

Beh, insomma,

a farla breve, questo tale

– carrettiere

ricurvo

ispido

spesso –

più convinto

di me d’essere vivo

a bordo di un apetto

smarmittato

andava a

tutta birra

alla riscossa

diritto

in faccia

al sole mattutino.

 

 

 

Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: