Una certa aria da spogliatoio

Ad un certo punto della mia vita, disse Malebranche, cominciai a sentire come una certa aria da spogliatoio di palestra, di pacche sulle spalle, di tubolari di spugna fradici di sudore dietro le facce imperturbabili dei capi di stato, dei potenti della terra, che si fanno la guerra l’un l’altro, a spese dei loro rispettivi…

Continua a leggere Una certa aria da spogliatoio

Spazzolino e dentifricio nella letteratura del novecento

Un altro progetto editoriale di Malebranche riguardava la presenza dello spazzolino da denti e del dentifricio nella letteratura. Il titolo lo aveva già in mente: Spazzolino e dentifricio nella letteratura del novecento, e avrebbe dovuto inaugurare la collana Igienica. Aveva scoperto che financo un accademico si era occupato ex professo in Italia degli oggetti desueti…

Continua a leggere Spazzolino e dentifricio nella letteratura del novecento

Il secolo beve. Bukowski, Mahler e l’uso militare delle droghe

Benché non ne facesse sfoggio, ed anzi, tenesse la cosa ammantata da un tenace riserbo, Malebranche nutriva ambizioni letterarie ed editoriali, che si concretizzavano in una congerie di progetti più o meno bislacchi: uno di questi era un libro intitolato Il secolo beve, una carrellata degli scrittori e dei poeti più ubriaconi del XX secolo,…

Continua a leggere Il secolo beve. Bukowski, Mahler e l’uso militare delle droghe

Thank you

Il 31 gennaio 2018 la Libreria Carnevali abbassa la saracinesca per l’ultima volta. Fondata a Foligno da Giovanni Carnevali nel 1965, rilevata da Stefano Marcucci nel 1998 e poi dalla società 3 libretti sul comò di Luca e Stefano Marcucci nel 2002, e passata dalla sede di Via Mazzini, a Via Pignattara, di nuovo a…

Continua a leggere Thank you

L’uomo della mezzanotte. Appunti per una fenomenologia del Carnevale di Olinda (Nordeste del Brasile)

Alcuni anni fa, non importa quanti, mi sono fermato ad Olinda, nel Nordeste del Brasile, nel periodo del Carnevale. Olinda è una città coloniale, fiore all’occhiello del Brasile postmoderno. Come è noto, il Carnevale è la madre di tutte le feste, ovunque. René Girard[1] dice che nella festa, in ogni festa, si riproduce l’uccisione rituale…

Continua a leggere L’uomo della mezzanotte. Appunti per una fenomenologia del Carnevale di Olinda (Nordeste del Brasile)

Il tema dell’angelo custode

Questa mattina sono andato a prendere l’acqua. Ho pagato nel negozio le due casse di bottiglie di vetro, in tutto ventiquattro, e poi, come ogni volta, ho portato la macchina fino al magazzino sul retro per scaricare i vuoti e caricare l’acqua. Normalmente c’è un magazziniere, ma stamattina non c’era. Nessuna persona sembrava in arrivo…

Continua a leggere Il tema dell’angelo custode

Segnali Morse

Entra in libreria un cliente, un signore sui sessantacinque anni, con barba brizzolata, vestito un po’ da montanaro, già visto altre volte. Un po’ farfugliando, mi chiede se abbiamo qualche testo sul linguaggio Morse, in realtà mi spiega che ha già chiesto al mio collega, ma sembra che non ci sia nulla.

Continua a leggere Segnali Morse

Generale Dio

Uno degli ultimi qui pro quo nelle richieste in libreria ha investito il recente opus di Massimo Cacciari, Generare Dio. Una cliente ha chiesto: – Avete l’ultimo di Cacciari, Generale Dio?

Continua a leggere Generale Dio

La vita felice

Alcuni sono veramente felici solo quando sentono di «non aver vissuto invano», cioè di aver fatto nella vita qualcosa di utile per sé ma soprattutto per gli altri. Per costoro il senso di colpa quietato è una componente essenziale della felicità.

Continua a leggere La vita felice

Che uomo sei

Ci sono uomini che dichiarano di essere innamorati nello stesso modo in cui si dice al medico di sentirsi male, ci sono uomini che dichiarano il proprio amore con lo stesso pentimento (preventivo) con cui si confessano i peccati al proprio confessore, ci sono uomini che annunciano il proprio desiderio con la stessa baldanza con…

Continua a leggere Che uomo sei

Identikit di uno scrittore

Porta il cerchietto, è sempre un po’ abbronzato, ha la testa semirasata, un’incessante aura di positività lo circonda, ha l’aria di una persona che nella vita eccome se ne ha viste, conosce la scena dura di qualche quartiere violento o malfamato, ha quarant’anni e quarantenne resta per tutta la vita, è un mix di giovinezza…

Continua a leggere Identikit di uno scrittore