Araldica letteraria

Nell’opera di ogni scrittore e di ogni poeta è forse possibile rintracciare il luogo elettivo, il topos ricorrente. Quello che qui propongo, caro lettore de L’Errore di Kafka, sito librario ma non libresco, è un divertissment letterario. Pascal per una volta ci perdonerà. Non si tratta di un’erudita geografia della letteratura, altrimenti sarebbe troppo facile…

Continua a leggere Araldica letteraria

Mia sorella è (figlia) unica

In due recenti occasioni mi sono imbattuto nel tema della figlia e della sorella. Nella puntata di Fahreneit (Radio 3) di mercoledì 14 febbraio 2018 (San Valentino), Maria Serena Sapegno,[1] docente di Letteratura italiana e Studi delle donne e di genere alla Università Sapienza di Roma, ha portato l’attenzione degli ascoltatori su quella che ha…

Continua a leggere Mia sorella è (figlia) unica

Le paralitiche. Una congettura

È divenuto usuale nella bella stagione incontrare per strada persone anziane accomodate in carrozzelle condotte da badanti. Si tratta spesso di anziani ma più spesso di anziane con ridottissima mobilità, non più autosufficienti, poco presenti a se stesse, larve umane spinte dal padiglione degli incurabili verso un’inutile uscita. Le passeggiatine servono forse di più alle…

Continua a leggere Le paralitiche. Una congettura

Buonanotte, senatori. Il dolore fantasma e la morte delle lingue (morte)

Noto un fenomeno che sta dilagando. L’elogio delle lingue morte. Da un anno a questa parte gli scaffali delle librerie, delle poche rimaste, ma anche quelli dei capannoni denominati supermercati, hanno ospitato, accanto alle pile dei bestsellers più patinati, anche libri che, elogiando lingue morte, non sono in odore di mass market. Un fenomeno bizzarro,…

Continua a leggere Buonanotte, senatori. Il dolore fantasma e la morte delle lingue (morte)

Elogio dei libri proibiti

Caro Stepor, accetto di buon grado il suo invito a collaborare a L’errore di Kafka. Essendo morto oltre trecento anni fa, ho la memoria lunga. Nelle mie notti insonni leggo, e solo quando non ce la faccio più a trattenermi, prendo il mio taccuino e vergo qualche annotazione. Riconosco che l’irritazione è la principale molla…

Continua a leggere Elogio dei libri proibiti

Islam liberale

C’era stato un Islam liberale, tollerante, compassionevole, che con pochi precetti rituali di abluzione e genuflessione aveva sradicato la mala pianta delle infinite stregonerie africane, e condotto le tribù verso una civiltà delle regole, dei minareti, della giustizia, della scienza e della infinita dolcezza delle mille e una notte. Quando era entrato in contatto con…

Continua a leggere Islam liberale

Una certa aria da spogliatoio

Ad un certo punto della mia vita, disse Malebranche, cominciai a sentire come una certa aria da spogliatoio di palestra, di pacche sulle spalle, di tubolari di spugna fradici di sudore dietro le facce imperturbabili dei capi di stato, dei potenti della terra, che si fanno la guerra l’un l’altro, a spese dei loro rispettivi…

Continua a leggere Una certa aria da spogliatoio

Spazzolino e dentifricio nella letteratura del novecento

Un altro progetto editoriale di Malebranche riguardava la presenza dello spazzolino da denti e del dentifricio nella letteratura. Il titolo lo aveva già in mente: Spazzolino e dentifricio nella letteratura del novecento, e avrebbe dovuto inaugurare la collana Igienica. Aveva scoperto che financo un accademico si era occupato ex professo in Italia degli oggetti desueti…

Continua a leggere Spazzolino e dentifricio nella letteratura del novecento

Il secolo beve. Bukowski, Mahler e l’uso militare delle droghe

Benché non ne facesse sfoggio, ed anzi, tenesse la cosa ammantata da un tenace riserbo, Malebranche nutriva ambizioni letterarie ed editoriali, che si concretizzavano in una congerie di progetti più o meno bislacchi: uno di questi era un libro intitolato Il secolo beve, una carrellata degli scrittori e dei poeti più ubriaconi del XX secolo,…

Continua a leggere Il secolo beve. Bukowski, Mahler e l’uso militare delle droghe

Thank you

Il 31 gennaio 2018 la Libreria Carnevali abbassa la saracinesca per l’ultima volta. Fondata a Foligno da Giovanni Carnevali nel 1965, rilevata da Stefano Marcucci nel 1998 e poi dalla società 3 libretti sul comò di Luca e Stefano Marcucci nel 2002, e passata dalla sede di Via Mazzini, a Via Pignattara, di nuovo a…

Continua a leggere Thank you

L’uomo della mezzanotte. Appunti per una fenomenologia del Carnevale di Olinda (Nordeste del Brasile)

Alcuni anni fa, non importa quanti, mi sono fermato ad Olinda, nel Nordeste del Brasile, nel periodo del Carnevale. Olinda è una città coloniale, fiore all’occhiello del Brasile postmoderno. Come è noto, il Carnevale è la madre di tutte le feste, ovunque. René Girard[1] dice che nella festa, in ogni festa, si riproduce l’uccisione rituale…

Continua a leggere L’uomo della mezzanotte. Appunti per una fenomenologia del Carnevale di Olinda (Nordeste del Brasile)

Il tema dell’angelo custode

Questa mattina sono andato a prendere l’acqua. Ho pagato nel negozio le due casse di bottiglie di vetro, in tutto ventiquattro, e poi, come ogni volta, ho portato la macchina fino al magazzino sul retro per scaricare i vuoti e caricare l’acqua. Normalmente c’è un magazziniere, ma stamattina non c’era. Nessuna persona sembrava in arrivo…

Continua a leggere Il tema dell’angelo custode

Segnali Morse

Entra in libreria un cliente, un signore sui sessantacinque anni, con barba brizzolata, vestito un po’ da montanaro, già visto altre volte. Un po’ farfugliando, mi chiede se abbiamo qualche testo sul linguaggio Morse, in realtà mi spiega che ha già chiesto al mio collega, ma sembra che non ci sia nulla.

Continua a leggere Segnali Morse